Prestige Tour Srl
via Mar Della Cina N° 183
00144 Rome, Italy
Tel: +39 06 5220.6401 (r.a.)

Motore di ricerca

Area riservata

Loading ...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere velocemente le migliori offerte e promozioni

Scarica i nostri cataloghi

Cilento Mare Italia

Cilento:

Regione montuosa della Campania, è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dal'UNESCO grazie a tutti gli avvenimenti legati alla sua ricca storia. Fin dall'antichità il Cilento ha ispirato poemi e figure mitologiche, ricordiamo ad esempio il mito delle sirene raccontato da Omero, oppure del nocchiero di Enea denominato Palinuro che cadde in mare di notte in un luogo riconducibile ad uno scoglio di Cilento. Essendo questa regione montuosa, si possono trovare svariati monti, di questi ricordiamo il Monte Cervati di 1899 metri, il Monte Bulgheria di 1225 metri e il Monte Sacro di 1705 metri. Famoso soprattutto per il suo Parco Nazionale del Cilento, inaugurato nel 1991, il Cilento è diventato una tappa obbligatoria per gli amanti dei monumenti, delle culture e della storia antica. Tenendo conto della storia che caratterizza questa regione è consigliabile andare a vedere:

  • Paestum, antica città della Magna Grecia, il cui sito è stato abitato fin dall'epoca preistorica. Infatti qui si possono trovare svariati manufatti riconducibili alla preistoria, dall'età paleolitica fino a quella del bronzo. La costruzione della città invece si ritiene sia avvenuta nel VII secolo a.C., grazie ad un progetto di inurbamento dell'epoca. Come specificato precedentemente all'interno della città ci furono molti movimenti di più culture, questo implica che si trovano oggetti e reparti storici dell'età greca, dell'età lucana, dell'età romana e via dicendo. Inoltre poeti come Virgilio, Ovidio e Properzio trattavano nei loro capolavori della bellezza di Paestum. Tutta la città è circondata da una cinta muraria con quattro porte principali: la Porta Aurea a nord,  la Porta Sirena ad est, la Porta Marina ad ovest, e la Porta Giustizia a sud. All'interno di essa si possono trovare anche alcuni tempi risalenti al VI secolo a.C., come la Basilica, il Tempio di Nettuno, ed il Tempio di Athena. In prossimità dell'area esterna alle mura si possono invece trovare delle necropoli, di cui ricordiamo la più famosa, la necropoli del Gaudo, scoperta nel 1944 casualmente. Si può trovare poi il Museo archeologico nazionale di Paestum, dove sono poste armi, lastre tombali e vasi di epoche greche e lucane.
  • Le grotte di Castelcivita all'interno del Parco Nazionale del Cilento,che sono delle cavità carsiche con forme diverse di stalattiti e stalagmiti. Una volta dentro si accede ad una grande caverna, nella quale si può osservare una formazione calcarea che sembra essere sospesa nell'aria, questa è denominata "Pagoda". Si trova poi il "Deserto", nome che deriva dalla natura sabbiosa e la forma pianeggiante di quella zona. Andando ancora avanti ci si imbatte in una grande sala dove si trova una colonna con espansioni a disco ed in una cascata. Infine di notevole interesse sono i "pozzi della morte", delle profonde cavità quasi riempite d'acqua.
  • Sempre nel Parco Nazionale del Cilento, a chi dovesse interessare la flora e la fauna, queste sono ampiamente diffuse in tutto il Parco. Infatti sono state contate oltre 600 specie di animali in ambienti diversi e 1800 specie vegetali. Numeri ovviamente alti che impegnano il visitatore ad osservare con attenzione questo territorio stupendo, ricco di esemplari diversi. La vegetazione delle rupi costiere presenta il Giglio marino, un giglio bulboso dal colore bianco chiaro rinomato per il suo profumo e una pianta chiamata Primula di Palinuro simboleggia il parco essendo questa endemica di quelle zone.